corso

Ipnosi per dormire meglio

Natural Gravity | Immagine in Evidenza Corso Dormire Meglio
codice corso: DOR
docenti: dr Nicoletta Gava, dr Mauro Cavarra
Torino
dal 1 gennaio 2017
al 31 dicembre 2017
€ 600.00 IVA inclusa
Iscrizioni aperte fino al 31/12/2017, informazioni, condizioni e modalità di pagamento disponibili qui.

Rigirarsi nel letto per ore, guardandole scorrere senza sosta. Alzarsi al mattino stanchissimi e sapere di dover convivere tutta la giornata con il malessere, la nausea, il mal di testa di una notte con troppo poco sonno.

Questa è l’esperienza delle persone che fanno fatica a dormire. Per molti si tratta solo di periodi brevi e per fortuna passeggeri, spesso legati a preoccupazioni, cambiamenti di orario, stress, ma ugualmente difficili da gestire.

Altri, invece, le hanno già provate tutte: tisane, massaggi, anche farmaci e alla fine si ritrovano quasi  ad aver paura di andare a dormire.

Il corso è rivolto a tutti i coloro che vogliono migliorare la qualità del loro sonno, facilitando il rilassamento, la fase di addormentamento e la durata stessa del sonno.

Obiettivo del corso è l’apprendimento di strumenti pratici ed esperienziali di autoipnosi che possano favorire un sonno più riposante.

La pratica di questi strumenti porta in molti casi a:

  • Facilitare la fase di addormentamento
  • Ridurre i risvegli notturni
  • Contribuire allo svegliarsi più riposati
  • Gestire meglio le ore di sonno
  • Facilitare il sonno in ambienti rumorosi
  • Favorire il sonno quando si viaggia, si fanno i turni ecc.

Riaddormentarsi più facilmente

iscriviti >>
I periodi di maggior lavoro sono anche quelli in cui dormo peggio. So che si tratta di stress ma proprio in quei momenti io avrei, invece, maggior bisogno di essere lucido e produttivo Carlo, 46 anni
Facendo i turni, sono un po’ in difficoltà con il dormire. Appena mi abituo ad un orario, devo cambiare e non riesco mai a riposare bene Ada, 38 anni
Da anni dormo male… il più delle volte mi sveglio troppo presto ed è davvero impossibile riaddormentarsi. Tanto ormai so già che succede e mi sto rassegnando Marco, 50 anni